Così vicino, così lontano

Viaggi naturalistici all’insegna del rispetto per il Mondo

 

Oggi mi prendo un po’ di spazio per parlarvi delle meraviglie del nostro pianeta, quelle che almeno una volta nella vita vanno visitate, soprattutto da parte di tutti coloro che amano gli animali.

Il Mondo è pieno di animali meravigliosi, ce li raccontano e mostrano in tutta la loro bellezza libri e documentari, ma se il nostro desiderio è quello di vederli dal vivo, vi consiglio di non andare negli zoo ed in quei parchi lontani dal loro paese d’origine, ma di scegliere di recarvi nei loro habitat naturali rispettando i loro spazi e senza disturbarli.

Ecco qui elencati alcuni dei posti più affascinanti del Mondo dove poter ammirare da vicino quelle creature che siamo soliti vedere solo in tv.

 

Nel Mondo

Schiusa tartarughe marine – Bocas del Toro (Panama)

Una delle esperienze più toccanti e profonde che possano essere vissute è certamente quella di nascondersi dietro un cumulo di sabbia aspettando la schiusa delle uova delle tartarughe marine, per poi guardare quelle decine di piccole creature che, nonostante siano nate da pochi minuti, corrono istintivamente verso l’oceano, verso un Mondo che non conoscono e che sembra non spaventarle. (consigliato da maggio a novembre)

tartapiccole.jpg

Grandi mammiferi – Parco Kruger (Sudafrica)

Un parco così grande che le sue dimensioni potrebbero tranquillamente essere quelle di uno stato. Esso fa parte dell’ancora più esteso Great Limpopo Transfrontier Park, un meraviglioso esempio di collaborazione fra Stati (Sudafrica, Zimbabwe e Mozambico) che comprende 3 riserve naturali e che mira ad espandersi ancora di più. Qui è possibile osservare, rigorosamente accompagnati dai rangers del parco, bufali, leoni, giraffe, ippopotami, elefanti, rinoceronti e migliaia di altre specie fra rettili, mammiferi e volatili di ogni genere. Una tappa imperdibile per chi sceglie un viaggio nel Sud dell’Africa e per qualsiasi appassionato di Natura selvaggia.

Cavallo di Przewalski – Parco Nazionale di Hustajn Nuruu (Mongolia)

La storia di questo cavallo è drammatica ed affascinante allo stesso tempo. Prende il nome da un generale polacco, naturalista e viaggiatore, che per primo lo descrisse con passione nel 1881. Ha sfiorato l’estinzione nel 1900 a causa della caccia ed è stato salvato per il rotto della cuffia, da appassionati naturalisti che recuperando qualche esemplare negli zoo e sul territorio, hanno reintrodotto la specie in libertà, diventata poi una riserva: il Parco Nazionale di Hustajn in Mongolia.

cavallimongolia

In Europa

Fenicotteri, cavalli, tori – Camargue (Francia)

Non mi dilungherò molto sulla Camargue, avendone già parlato in un altro numero del giornale, ma il mio amore per questo luogo magico non mi permetteva proprio di saltarlo a piè pari. Cavalli bianchi che corrono dove il mare s’incontra con il Rodano, imponenti bovini e poetici fenicotteri che pacificamente condividono questo angolo di paradiso a due passi dall’Italia. Imperdibile.

Whale watching – Isole Versteralen (Norvegia)

Qui ha sede un’associazione naturalistica che oltre ad organizzare le escursioni, ha anche creato un museo dedicato a questi maestosi cetacei ad Andenes. Dopo una visita al museo è d’obbligo prenotare un’uscita con le guide per andare a vedere da vicino i giganti del mare, un’emozione difficile da dimenticare!

balena

Marmotte, cervi e stambecchi – Valle Trupchun (Svizzera)

Questa valle si trova all’interno del Parco Nazionale e qui si possono trovare delle guide specializzate che accompagnano gli appassionati in un’escursione della durata di sette ore, in un percorso che si snoda per 14 chilometri in questo paradiso degli ungulati, dove si potranno osservare cervi, stambecchi e camosci. Se si azzecca il periodo è facile sentire i chiari i richiami amorosi dei cervi (indicativamente verso fine settembre).

 

In Italia

Schiusa uova Caretta Caretta – Isola dei Conigli (Sicilia)

L’Isola dei Conigli si trova a pochi metri da Lampedusa, nelle Pelagie, proprio lì dove si dice che ci siano alcune delle spiagge più belle del Mondo. Qui numerose specie di uccelli hanno saggiamente deciso di nidificare e anche la tartaruga marina Caretta Caretta ha scelto questo pezzetto di paradiso per deporre le sue uova, protetta da Legambiente, dal WWF e da tutti gli orgogliosi abitanti di Lampedusa. E’ necessario contattare il Centro di Recupero Tartarughe Marine per qualsiasi informazione a riguardo.

 

Whale Watching – Santuario dei Cetacei (Liguria, Toscana, Sardegna)

Non solo Norvegia e Islanda, anche in Italia è possibile ammirare le balene. Si possono scegliere diversi porti dai quali imbarcarsi per questa emozionante gita che può durare dalle quattro alle nove ore. Lo dice già il nome, è un “Santuario”, un luogo sacro per i cetacei e per questo motivo ci sono rigide regole di condotta a salvaguardia del benessere di meravigliosi animali.

 

Bird Watching – Delta del Po (Emilia Romagna)

Questa zona, compresa fra le province di Ferrara e di Ravenna, è una meta imperdibile per gli amanti della natura e della fotografia. Qui ci sono diversi gruppi stabili di fenicotteri, colonie di cormorani, di oche selvatiche e cicogne. Il periodo migliore per osservarli è in primavera, nella stagione degli amori e vi consiglio di farlo attraverso le torrette: godrete di una vista suggestiva del paesaggio e non arrecherete nessun disturbo ai riti amorosi di questi animali.

delta.jpg

 

[immagini trovate in rete]

(di Susanna Canonico, pubblicato su “Sì o No – Il Giornale dei Navigli”)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...