Vacanze in vista?

Avete già pensato alle vostre vacanze estive? Nelle prossime settimane ci saranno molti consigli per le vostre ferie, spiagge in cui accettano i cani, i posti migliori dove andare in viaggio con i vostri amici, i consigli per la gestione durante il periodo feriale e molto altro ancora.

Oggi però affrontiamo il primo quesito che ci si pone quando, per i motivi più disparati, in vacanza il cane non è possibile portarlo: dove lo lasciamo?

Questa è una decisione da non prendere mai alla leggera e bisogna valutare a lungo le varie ipotesi:

AMICI/PARENTI – Lasciare il proprio cane da qualcuno che conosce bene è una buona idea, perché si sentirà tranquillo e “in famiglia”. Anche se i vostri genitori, fratelli o amici, vi stanno sicuramente facendo un grande favore, esigete che vengano rispettate le vostre richieste per non trovare poi al ritorno un cane/gatto ingrassato di cinque chili, un cane che ha improvvisamente paura di uscire in passeggiata o abituato ad elemosinare cibo da tavola.

PENSIONI CASALINGHE – Ci sono persone che mettono a disposizione la propria casa ed il proprio tempo per ospitare temporaneamente cani e gatti di coloro che vanno in vacanza. Fate una prova di compatibilità tra il vostro animale e quelli già presenti nell’abitazione. Questa è una buona soluzione, ma preferite persone esperte e con molto tempo a disposizione da dedicare ai vostri beniamini.

PENSIONI SENZA GABBIE – Le pensioni di questo tipo stanno aumentando a vista d’occhio e permettono agli animali di trascorrere il tempo in un luogo diverso dalla casa senza la costrizione della gabbia con gran serenità dell’animale e del proprietario. Anche in questo caso è importante essere esigenti per quanto riguarda le abitudini del cane, la professionalità dei gestori ed è consigliabile fare sempre qualche prova prima di lasciare il cane per diversi giorni.

PENSIONI CLASSICHE – Queste sono le pensioni più numerose e conosciute, hanno dei box più o meno grandi ed aree di sgambamento nel quale i cani possono passare da mezz’ora a dieci ore al giorno. Siate esigenti: preferite le pensioni gestite da persone esperte (che non significa necessariamente che fanno questo lavoro da vent’anni), con spazi ampi e sicuri nei quali i cani possono trascorrere molto tempo.

[immagine trovata in rete]

(di Susanna Canonico, pubblicato su “Sì o No – Il Giornale dei Navigli”)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...