Maltrattamenti invisibili/3

Eccoci alla terza parte di “maltrattamenti invisibili”; dopo conigli nani e pesci è il turno delle tartarughe di acqua dolce, troppo spesso tenute in mini vaschette non adatte ed alimentate in maniera scorretta.

Il primo consiglio che voglio darvi per questi animali è: non comprateli. Sono trasportate in pessime condizioni e solo una minima parte di loro sopravvive al primo anno di vita. In qualsiasi caso vivrebbero in un modo diverso da come potrebbero fare in natura ed è importante chiedersi se sia giusto costringerle ad una vita di privazioni, solo per il capriccio di tenerle in casa. L’importazione della tartaruga dalle orecchie rosse poi, la specie più venduta in Italia, è VIETATA dal 2001, ma i controlli sono pochi e continuano ad essere commercializzate senza scrupoli.

Le tartarughe sono animali che dovrebbero vivere all’aperto, nei pressi di laghi o corsi d’acqua lenti dove possono vivere fino a 30 anni.

La vita nella vaschetta è una vera e propria tortura, perché in natura sono abituate a muoversi fra acqua, terreni fangosi ed erba e dove hanno la possibilità di mangiare ciò che è più adatto alla loro specie, che non è e non sarà mai, il contenuto di quei barattolini di plastica con miseri gamberetti secchi.

Se il danno è già stato fatto e ne avete già una o due in casa, sappiate che è molto importante che possa avere uno spazio adeguato (minimo 10 volte la lunghezza del suo guscio) ed arricchito di sassi e piante acquatiche e con una temperatura dell’acqua di circa 24 gradi.

L’alimentazione è FONDAMENTALE e quella più corretta è composta da pesce crudo, gamberi e calamari, verdure (cicoria, biete, radicchio…) e frutta (non in gran quantità). E’ molto importante che possano avere la possibilità di passare molto tempo al sole e avere una lampada riscaldante in inverno.

E’ più complesso di quanto immaginavate? Probabilmente sì, ma se si sceglie di avere un animale in casa è opportuno pensare al suo benessere e non ci sono modi più gentili o educati per dirlo: o lo si tiene bene o non lo si tiene affatto.

 

 

 

[immagine trovata in rete]

(di Susanna Canonico, pubblicato su “Sì o No – Il Giornale dei Navigli”)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...