Maori, leggende e balene

“La ragazza delle balene” (titolo originale “Whale Riders”) è uno dei film più belli ed emozionanti di sempre per me. È tratto dall’omonimo libro di Witi Ihimaera.

Il film è ambientato in Nuova Zelanda e riscrive in chiave moderna la leggenda di Paikea, “colui che viaggia sul dorso della balena” che si occupò di proteggere il suo popolo evitando calamità e salvandolo dai pericoli che distruggono il mondo.

Koro Apirana, capo di una tribù maori, attende la nascita di un nipote maschio che prosegua la dinastia ma, dei due gemellini nati, sopravvive solo la bimba alla quale, contro la volontà del nonno, viene comunque dato il nome Paikea.

La piccola ha una vera e propria venerazione per il nonno che invece non perde occasione di farle capire che avrebbe preferito un nipote maschio, allontanandola da tutto ciò che la tradizione maori riserva agli uomini. E quando un gruppo di balene perde la via spiaggiandosi sulle rive del loro piccolo paese, lei farà di tutto per onorare il nome che le è stato dato.

Un film imperdibile, paesaggi mozzafiato, racconti di una cultura affascinante e lontana, lacrime e sorrisi. Il tutto condito da un importante ingrediente: la consapevolezza che per realizzare questa pellicola nessun animale è stato costretto o spinto a fare nulla, la produzione ha infatti utilizzato solo modelli a grandezza naturale ed effetti creati al computer.

 

 

[immagine trovata in rete]

(di Susanna Canonico, pubblicato su “Sì o No – Il Giornale dei Navigli”)

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...