In occasione del Natale sono molte le famiglie che decidono di regalare un cane o un gatto ai propri figli o ai propri partner, mossi dalla tenerezza del cucciolo dietro la vetrina o a seguito delle incessanti richieste ricevute nei mesi, o anni, precedenti.

Non voglio smontare le grandi emozioni di nessuno, ma è opportuno che chiunque decida di fare una scelta di questo genere sia pienamente consapevole di ciò che realmente comporta.

E questo lo dico non tanto perché l’animale è un “impegno”, anche perché questo è il modo più spiacevole di concepire un compagno di vita, ma perché l’entusiasmo iniziale potrebbe essere surclassato nei giorni successivi da tutte le cose che si devono fare per vivere in armonia con un animale.

Se avete adottato o acquistato un cagnolino di pochi mesi, è opportuno tenere presente che per i primi tempi potrebbe fare i bisogni in casa e arrabbiarsi serve a poco: quanto ci hanno messo i vostri figli a farla nel vasino? Potrebbe mangiarvi scarpe ed oggetti, perché i suoi denti in crescita hanno bisogno di essere utilizzati, romperà le scatole perché non vede l’ora di giocare con voi e le prime notti potrebbe piangere per paura o perché si sente solo. Ma sono certa che a questo caos iniziale avete già pensato. Che il vostro amico, stazionerà nella vostra casa e nella vostra vita per i quindici anni successivi (anno più anno meno) invece, lo avete considerato? Il cucciolo diventerà un adulto e la vostra educazione sarà sì fondamentale, ma lui avrà comunque delle caratteristiche personali ed uniche che costituiranno la sua “canilità”, il corrispondente canino della nostra personalità. Potrebbe non amare lo sport che speravate di poter condividere con lui, potrebbe non tollerare il cane del vicino con cui speravate di farlo crescere, potrebbe non volersi far fare tutte quelle coccole che pensavate avrebbe tanto desiderato perché è un gatto dallo spirito indipendente. Siete pronti ad amarlo incondizionatamente anche se non sarà esattamente come lo avevate desiderato? (principio che dovrebbe valere anche per i vostri figli, che non sempre hanno le vostre stesse priorità). Se è così, ne sono estremamente felice e vi auguro un felice Natale in compagnia del vostro fortunato compagno di vita!

 

 

[immagine trovata in rete]

(di Susanna Canonico, pubblicato su “Sì o No – Il Giornale dei Navigli”)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...