Questioni di..aeodinamica!

Durante una bella giornata di sole, mettetevi con il naso all’insù ed osservate le pittoresche coreografie degli uccelli in volo e non potrete che restarne affascinati.

È interessante sapere che non tutti i volatili compongono in cielo le stesse danzanti forme ed anzi, gli ornitologi sono in grado di distinguere le varie specie proprio osservando le loro peripezie aeree.

Gli stormi che si muovono a “V”, con un leader centrale che guida il gruppo, lo fanno per ragioni di aerodinamica; proprio come accade per i ciclisti, chi sta dietro sfrutta la scia di chi gli sta davanti, per risparmiare energie e dare il cambio quando, chi tira il gruppo, inizia ad essere stanco.

È il caso di anatre, oche e gru. Mentre i fenicotteri preferiscono seguirsi in fila indiana.

Per migrare, gli uccelli si orientano con il sole, la luna e le stelle, anche se, percorrendo sempre la stessa strada, si presume che possano ricordarsi dei paesaggi già sorvolati negli anni precedenti con facilità.

Alcuni di esse impiegano un giorno solo per percorrere duecento chilometri, mentre altre specie più lente, possono impiegare anche dieci giorni per coprire la stessa distanza.

flock of migrating canada geese birds flying at sunset

 

(di Susanna Canonico, pubblicato su “Sì o No – Il Giornale dei Navigli”)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...